Cucù al maggiordomo tecnico

Buongiorno,

le notizie di ieri che promettono il ritorno del candidato Silvio Berlusconi alle prossime elezioni realizzano l'ennesimo pezzetto delle peggiori previsioni per il nostro Paese.

Lo scenario che si sta sempre più concretizzando è quello per cui l'ex Presidente del Consiglio si vedrà agevolata la campagna elettorale da un governo Monti, nato per fare il "lavoro sporco" di riforme economiche e politiche la cui impopolarità i politici italiani non volevano affrontare in prima persona e rimasto invece in superficie e nello stesso solco di difesa dei soliti privilegi di sempre e che sta tragicamente fallendo.

E sta fallendo al punto di realizzare il paradosso di diventare il riferimento al ribasso che riabiliterà l'operato (o meglio il non operato) del governo precedente: il ragionamento diffuso sarà che, malgrado siano stati dati dei poteri straordinari ad un governo composto dalla crema dell'intellighentia nostrana, e malgrado questa abbia imposto agli italiani una ricetta lacrime e sangue sbandierata come salvifica, nemmeno questa è riuscita a operare delle differenze significative nella guida del Paese, rivelandosi invece debole e scontata.

Adesso serve solo un buon marketing che sottragga internet al monopolio dei Grillini ed il gioco è fatto, anche perchè il PD verrà probabilmente bruciato dall'appoggio prono ed acritico che sta fornendo al governo. 

E Monti si dimostrerà un ottimo maggiordomo che spalanca le porte al padrone di casa dopo aver approfittato della sua breve assenza per fare un po' pulizie di fondo.

A meno che la potente alleanza con l'UdC non permetta al PD il rilancio che da vent'anni richiede all'apertura ai centristi, ovviamente. Lo stesso che gli avevano dato Mastella, Fioroni, Binetti,...

Ciao

Paolo

4 commenti:

F®Ømß°£ ha detto...

L'incubo di B che ritorna non è certo ostacolato dal pensiero unico che accomuna la televisione dell'ex PdC, il telegiornale dello schienadritta dei miei stivali e anche il sopravvalutato popolo della rete e dei fatti quotidiani.

Cos'è che hanno in comune? L'opinione che peggio del PD non ci sia nulla.

Staremo a vedere se questo disprezzo per sentito dire farà si che ci suicidiamo come nazione alle elezioni del 2013.

Vorrei fortissimamente essere all'estero per poter godere di questo, non essendoci mi auguro che un minimo di razionalità possa prevalere.

Saluti

T.

PaoloVE ha detto...

@ Tommaso:

certo che se il pd si sforzasse un attimo di essere migliore non guasterebbe: fare delle finte primarie dopo aver sancito l'alleanza con l'UdC...

ciao

paolo

F®Ømß°£ ha detto...

Non potrò mai essere migliore, perché va talmente di moda fare le pulci a qualsiasi cosa faccia che niente va mai bene.

Io Bersani al posto di Monti lo vedrei molto bene, ma è impossibile che prenda abbastanza voti in un Italia in cui i berluscones sono pronti a rivotare il mago B e i troppi non berluscones sono pronti a votare quel disastro annunciato di Grillo.

Saluti

T.

Tombeur De Livres ha detto...

Mah, quando uno come Violante, che non è certo l'ultimo arrivato in casa Pd ammette che il suo partito ha garantito le televisioni al Berlusca, quello stesso partito non può certo venire a chiedere agli elettori di appoggiarlo con il ricatto morale dell' "altrimenti vincono gli altri". I voti bisognerebbe anche meritarseli, i tempi dell'obbedienza al Partito perinde ac cadaver sono finiti da un pezzo.