La distanza da un Paese civile

Buongiorno,

ho sentito nei commenti al voto della legge sulle unioni civili dei parlamentari che usavano argomenti che andavano dal definire "contronatura" le relazioni omosessuali al trattarle come il primo passo verso l'istituzionalizzazione dei rapporti tra uomini ed animali, peraltro spesso litigando con la sintassi.

Ho pensato che in un Paese civile il Parlamento avrebbe reagito scandendo all'unanimità e ad alta voce "CO - GLIO - NE!  CO - GLIO - NE!  CO - GLIO - NE!" all'indirizzo del Parlamentare che ha espresso tali concetti, in modo da zittirlo.

Lorenzin chi?

Buongiorno,

premetto che, giunti a questo punto, devo sperare che sulle unioni civili si giunga ad una qualsiasi forma di accordo, per quanto al ribasso (alla fine, in materia di diritti, rimane sempre il meglio poco che niente), perchè ho l'impressione di essere in presenza della stessa identica situazione che anni fa già affossò il disegno di.legge prersentato da Paola Concia.

Mi pare anche ovvio che sia impossibile percorrere una strada fatta di centinaia di voti ad emendamenti che dovrebbero essere respinti grazie all'appoggio di un Movimento che sinora ha sistematicamente scelto di privilegiare sempre e comunque l'umiliazione del principale partito di Governo. 

Il freno britannico

Buongiorno,


Non riesco a trovare nè nel passato nè nelle trattative di questi giorni nulla che mi faccia pensare ad un qualsiasi cambiamento di una politica britannica fatta di diffidenza nei confronti dei partner europei, di pretese di eccezionalità ed autonomia da questi (1) e di rapporti internazionali che vedono per la Gran Bretagna un partner preferenziale negli USA, e non negli Stati europei.

Roma (e non solo): la gara a perdere

Buongiorno,

malgrado gli assurdi termini complottistici utilizzati, temo vi sia una certa quota di verità e, cosa peggiore, anche una certa quota di allarmante profezia, nelle parole della Parlamentare grillina Taverna che afferma sia in atto uncomplotto ai danni del M5S per far eleggere un grillino a sindacodella capitale.

Il fatto che il comune di Roma sia stato progressivamente infiltrato in molte sue parti da potentati politici ed economici che poca affinità hanno con il servizio pubblico e sconfinano spesso nella palese illegalità, è cosa che appare ormai di dominio pubblico, come è di dominio pubblico il fatto che il bilancio del Comune di Roma, malgrado aiuti di ogni tipo, è orientato al default.

Diritti: tu, frocio, non li avrai

Buongiorno,

la frase del  titolo non è mia, ma è stata ipocritamente (1) pronunciata ieri da un parlamentare 5 Stelle, tale Airola, per annunciare che i grillini, dopo il ritiro del 90% degli emendamenti presentati dalla Lega alla proposta di legge Cirinnà sulle unioni civili, si sfilavano dall'accordo che prevedeva il loro sostegno al maxi emendamento che li avrebbe bypassati tutti, riproponendo la legge nella sua veste originale ed inemendata.

Mi pare di capire che formalmente la posizione di Airola sia inceppibile: il numero degli emendamenti non richiede il ricorso al cosiddetto canguro perchè la loro discussione richiede due, forse tre giorni di discussione in aula nulla di proibitivo, dunque.

...e le aggressioni di Colonia?

Buongiorno,
 
ringrazio Tommaso per il post di oggi e gli passo la palla. Mi riservo, come sempre, una piccola chiusa:

ilpost, fonte giornalistica di cui ho imparato a fidarmi più delle altre*, pubblica questo articolo, relativo ai risultati delle indagini su ciò che è avvenuto a Colonia a Capodanno.
 
Sintetizzo i punti per me importanti:

Aboliamo i referendum?

Buongiorno,


Nella più consolidata delle tradizioni, la scelta del governo è stata di mantenere la data del referendum separata da quelle di altre consultazioni elettorali già programmate, evitando un cosiddetto "election day" che avrebbe permesso di risparmiare alcune centinaia di milioni di euro (1) ed avrebbe favorito la partecipazione degli elettori.

Il mio punto di (s)vista: il privato visto dal pubblico / 2

Buongiorno,

qualche tempo fa i miei colleghi, durante dei lavori, si sono imbattuti in una simpatica bomba d'aereo britannica della seconda guerra mondiale, inesplosa e si sono dovuti coordinare con gli artificieri per la boniifica del terreno, cosa necessaria per ovvi motivi di sicurezza (vi par bello, saggio e sicuro lasciar in giro qualche quintalata di tritolo?) ma che ha richiesto una notevole quantità di tempo e soldi.

Ho così avuto modo di apprendere come talvolta le aziende gestiscano "a regola d'arte" ed "in scienza e coscienza" certe problematiche, cosa di cui intendo rendervi partecipi immantinente.

Il mio punto di (s)vista: il privato visto dal pubblico / 1

Buongiorno,

la consapevolezza che esistono realtà molto diverse (nel bene e nel male) da quella in cui lavoro e della limitazione del mio orizzonte personale è sempre stata per me un freno che mi ha limitato dal contestare tout court determinati luoghi comuni relativi all'inefficienza del settore pubblico. 

In fondo, pur avendo peregrinato abbastanza a lungo e con una certa frequenza tra lavori e luoghi di lavoro diversi, il mio rimane un punto di vista limitato e quindi, per esempio, resto sconcertato davanti a situazioni come quelle che sembrano emergere dal Comune di Sanremo (per citare un esempio eclatante e di moda) perchè personalmente non ho mai visto nulla di nemmeno lontanamente simile e, in assenza dei pittoreschi filmati, non lo avrei mai ritenuto possibile.

Lo spirito del tempo / 2

Buongiorno,

lunedì sono rimasto a casa perchè ammalato.

Si sa che l'assenteista si manifesta soprattutto nei giorni immediatamente successivi al fine settimana, quindi potete fottervene del fatto che già da sabato non stessi bene e la cosa non abbia richiesto l'intervento del medico per il certificato di prassi prima del lunedì: rientro a pieno titolo, insieme a chi si è aggiunto la domenica e a chi si è ammalato il lunedì o il venerdì sera, tra coloro che per insindacabile luogo comune sono fortemente indiziati di assenteismo principalmente per la malafede e la palese ignoranza di logica, matematica e statistica di chi scrive queste stronzate.

Lo spirito del tempo / 1

Buongiorno,

Oggi vi propongo un post di Tommaso, che supplisce alla mia crescente latitanza e che ringrazio. Mi riservo una nota finale e di riprendere di sponda i concetti di questo post in quello mio di domani.

Leggo sulla Stampa questa notizia. Pare che un imprenditore - coerente con lo spirito del tempo - abbia voluto "premiare" con una coppa i suoi dipendenti più assenteisti. Naturalmente questo ha fatto sì che ad essere umiliati pubblicamente durante il discorso di fine anno fossero persone che avevano accumulato centinaia di giorni di malattia: quindi persone con reali problemi di salute. Gravi probabilmente.