Facci, quello contromano

Buongiorno,


E' la versione che raccontano a Libero della barzelletta del vecchietto che, guidando, sente all'Ondaverde del pazzo che viaggia contromano proprio sul tratto di autostrada in cui si trova lui e pensa "Uno? Tutti!"

Ciao

Paolo

2 commenti:

F®Ømß°£ ha detto...

Buondì,

c'è un'orda di grandi pensatori che continua con la storiella per cui la colpa non è mai di B., ma di chi se la prenda con B.

Questo giochino ha funzionato per anni, tanto che è pieno di persone che chiamano in radio e lo ripetono, credendoci.

Per fortuna Bersani non sta commettendo l'errore che Facci gli attribuisce, sperando che ci caschi, e sapendo che parte della cittadinanza, distratta e maldisposta crederà che i comunisti facciano il solito giochetto.

Va detto quindi che se gli avversari di B. non sono tutti come nel '94, molti giornalisti, invece si.

Nessuno parla mai del terrore che hanno questi personaggi di avere un vero governo di centrosinistra. Un terrore che genera riflessi condizionati identici a quelli che loro attribuiscono ai detrattori di B.

Una piccola differenza tra i due riflessi è che quello contro il Cavaliere è stato nutrito da vent'anni di sovraesposizione mediatica dei berluscones (quando non erano anche al governo).

Il riflesso condizionato dei finto-terzisti (e qui riconosco che Facci è un po' meglio di loro) invece è nutrito solo da sé stesso, da un'ansia che si perda una parte infinitesimale dei privilegi cui gli esponenti delle vere caste sono abituati.

Saluti

T.

Michele Reccanello ha detto...

Come è quella battuta ...indicare col dito la luna e quello guarda il dito.... ???!!!

Contro B. non perché c'erano delle ragioni a reputarlo "unfit", ma perché a tanti gli piaceva di dargli addosso solo perché erano dei comunisti.

Questo paese è pieno di dementi altrimenti non si spiega perché, B. a parte, il nostro parlamento è una galleria permanente degli orrori. E cosi mi spiego perché ci sia chi continua a scrivere delle cazzate colossali come quella.