Pompini e Carfagne: il grillino che è in me

Buongiorno,

vedo che alcuni miei post stanno ingenerando il dubbio che io nutra simpatie per il M5S: non è così. In questo momento non saprei a chi dare il mio voto, ma il M5S sarebbe comunque molto lontano dal poter sperare in una mia decisione in tal senso. 

Purtroppo, dal mio punto di vista, alle auspicabili pulsioni al cambiamento l'M5S sta affiancando un coacervo di populismo, demagogia, approssimazione ed illiberalismo che vanificano quel poco di buono che troppo pochi dei suoi rappresentanti sembrerebbero in grado di fare.

Ciò premesso non riesco però a far finta di non vedere come il sistema politico stia cercando di demonizzare il M5S etichettandolo come un unicum antidemocratico peggiore di quanto si sia mai visto prima in Italia, con la sola eccezione, forse e non per tutti, del regime fascista.

E questo atteggiamento è sbagliato e sterile, perchè si scontra con una realtà che dice il contrario e replica un analogo atteggiamento che si è dimostrato perdente e deleterio.

Prendiamo un po' delle cose che in questi giorni sono rinfacciate ai grillini come situazioni di cui sarebbero responsabili massimi, che non si sarebbero mai verificate prima e che stanno generando una indignazione senza precedenti contro l'orrore di questi giorni (cit.).
  1. Hanno insultato le loro colleghe dicendo che sono in parlamento unicamente perchè abili nel far pompini. E' disdicevole, davvero. Ma davvero ciò merita forse più sdegno di quanto ne meritò analoga affermazione nei confronti di Carfagna, Brambilla e Gelmini (affermazxione che generò più imbarazzo e divertimento che sdegno, se non ricordo male) o di chi ama tuttora affermare che la Iotti partecipò all'Assemblea Costituente e presiedette la Camera perchè amante di Togliatti? o siete forse sicuri che Togliatti non gradisse i pompini? O che pecorine, missionari o altre pratiche sessuali siano politicamente meno dequalificanti?
  2. Hanno attaccato le massime istituzioni dello Stato, giungendo a chiedere la messa in stato d'accusa del Presidente. Perchè l'M5S merita più sdegno chi lo ha fatto vomitando insulti sui media contro una magistratura "cancro del Paese", contro un Presidente "liberticida", o contro un Presidente del Consiglio "mafioso", ...? Tutte accuse che per di più non sono mai state poi supportate da una qualsiasi prova e portate avanti al di fuori di un corretto percorso istituzionale, quale invece è la richiesta di messa in stato d'accusa.
  3. Berciano di golpe e colpo di Stato squalificando l'immagine del Paese? Se negli ultimi vent'anni ci fosse stato un golpe ogni dieci denunciati (a destra e a sinistra) adesso saremmo considerati molto più instabili di qualsiasi paese centramericano. Perchè se lo dice l'M5S è peggio di quanto lo dicevano gli altri?
  4. Usano il manganello mediatico contro i giornalisti? confrontiamo un manganello fatto praticamente solo di citazioni del maganellato e dell'utilizzo della stessa identica logica del manganellato (come nel caso Di Battista - Bignardi: le domande di Casalino erano gemelle di quelle della Bignardi di cui non si è indignato nessuno!) con il metodo Boffo o con il metodo di chi ha descritto per anni Berlusconi come un vecchio mafioso infoiato e venite a dirmi dov'è il peggio.
  5. Inscenano gazzare in parlamento? Mi vengono in mente esibizioni di cappi, manette, lanci di manuali regolamentari e cartelle, sputi, risse, abbuffate di mortadella, ...  e non erano grillini, o sono io che ricordo male? O forse sbaglio nel considerare tutto ciò allo stesso livello di inciviltà?
  6. Rivendicano l'esclusiva della moralità pubblica etichettando gli altri come corrotti e indegni? dai tempi di Peppone e Don Camillo e degli scontri a base di "forchettoni" e "mangiatori di bambini", sino al "Fassina chi?" la politica italiana è una rincorsa a rivendicare l'esclusiva della propria presunta superiorità sull'avversario politico, cui viene negata ogni dignità. Quindi?
  7. Sostengono posizioni economiche ridicole rispetto ad euro ed indebitamento? E possiamo rimproverarglielo più dei ristoranti pieni che smentivano la crisi o delle trionfali rivendicazioni di enormi successi dell'attuale governo o ancora degli appoggi a Marchionne senza se e senza ma e delle valute padane?
  8. Aizzano alla violenza attraverso i loro blog? Ricordo male o in internet ci fu chi, sotto bandiere diverse e su siti di parte, inneggiò a Tartaglia ed al suo duomo di Milano in miniatura, agli affondamenti dei barconi degli extracomunitari, al farsi giustizia da sè, all'ictus di Bersani, a ... Differenze significative? Zero?
  9. Non mantengono le loro promesse e cambiano indirizzo politico a 360° buttandosi spesso su un mix tra la supercazzola e la ripetizione dello slogan? Ah, beh, allora...
  10. ...
Posso fermarmi, vero? Posso concludere che forse l'M5S in questi giorni su questi argomenti non si è distinto in peggio rispetto a quanto abbiano fatto gli altri partiti in altri momenti in tal modo da giustificare una simile differenza nei giudizi nei suoi confronti o devo richiedere una evidenza del contrario? Posso concludere che su questi argomenti più o meno tutti i partiti hanno colpe confrontabili e dovrebbero essere bastonati in maniera simile?

In sintesi: non nego che il M5S stia producendo una politica pessima e confermo che di conseguenza mi è inviso, ma attribuirgli una patente di peggiore sulla base di cose in cui in realtà meno si differenzia dagli altri è un errore catastrofico. Perchè basta un fesso con un blog acuto come una palla per mettere in crisi una posizione tanto recisa quanto precaria e fornire un altrettanto sbagliato punto di vista rovesciato. Figuriamoci cosa succede se il blog ha la penetrazione ed i mezzi di quello di Grillo o Messora.

L'M5S va eventualmente messo in croce sulle cose in cui sta servendo il Paese meno e peggio degli altri partiti, che è un campo ampio e dove trova pochi ripari, visto che ha scelto di autoesiliarsi in un isolamento che lo vincola di fatto a non fare politica attiva e che sta lasciando spazio sempre maggiore a figure di infima competenza e credibilità, invece di provare realmente a selezionare una classe dirigente nuova. 

Ciao

Paolo

10 commenti:

F®Ømß°£ ha detto...

Buondì,

cerco di essere sintetico, poi vediamo se è il caso di entrare nel dettaglio.

Il punto su cui sono in disaccordo è: "Posso concludere che su questi argomenti più o meno tutti i partiti hanno colpe confrontabili e dovrebbero essere bastonati in maniera simile?"

Vogliamo davvero mettere sullo stesso piano le responsabilità dei partiti sui punti 1, 2, 5 e 8? E inoltre sono tutti questi punti altrettanto gravi? Non direi.
Prova a togliere la Lega e dimmi se riesci a completare i dieci punti. Prova a togliere il PDL, dopo.

Il punto su cui sono d'accordo è il finale, dal momento che è vero che i grillini vanno smontati sulla base della pochezza della loro proposta concreta. La gazzarra è chiaramente funzionale al non far parlare di questo, peraltro.

Altre osservazioni.

1) Il senso del post è purtroppo riassumibile nel "lo hanno fatto anche gli altri, quindi non si può criticare chi lo fa (di più e peggio)", che non mi pare una grande logica, a parte se la applichiamo a chi sia direttamente responsabile di qualcuno di quegli atti. Ho provato schifo quando - con diverse responsabilità - altri hanno fatto cose simili, ho tutto il diritto per provarlo contro chi queste cose le fa tutte insieme, senza fare molto altro.

2) I grillini hanno provato a bloccare i lavori, a impedire votazioni, hanno come scopo preciso l'attacco al Parlamento e alle istituzioni. Questo è diverso, a parte - forse - la Lega.

Per ora basta così :-)

Tommaso

PaoloVE ha detto...

@ T.

"Prova a togliere la Lega e dimmi se riesci a completare i dieci punti. Prova a togliere il PDL, dopo. "

rileggiti i punti: ognuno di loro resta in piedi anche senza lega e senza FI. li ho scritti apposta così e senza alcuno sforzo.

Il punto è proprio che sul M5S si sta facendo un casino eccezionale su cose che eccezionali non sono, mentre non ci si sofferma su cose che invece sono molto più importanti...

Ciao

Paolo

F®Ømß°£ ha detto...

@Paolo

Il punto non è che sul M5S, per caso e perché sono tutti cattivi, si fa casino su cose che non sono eccezionali*, il punto è che essi fanno casino con il duplice scopo di coprire la loro incapacità politica** e di sfruttare l'odio contro le istituzioni coltivato negli anni dai media e da alcune forze politiche.

Se si parlasse solo di cose serie - davvero e tutti - i grillini sarebbero messi davanti alla responsabilità di essere praticamente privi di proposte realistiche e ben scritte.

Invece così fanno le povere vittime e ci prendono in giro tanto quanto i partiti cattivi.

Su tutto il resto l'unica cosa che mi preme, perché poi è la base della favola grillina, è che le responsabilità sono uguali per tutti.

Non è così, anche se è molto comodo pensarlo e usarlo come facile argomento.

I tuoi punti, per poter essere "ecumenici" e comprendere sempre destra e sinistra trascurano alcuni dettagli:
- quanti da ciascuna parte sono responsabili per ciascuno dei punti
- quante volte ciascuna parte politica è stata responsabile delle diverse nefandezze
- metti insieme prendersela con il Presidente del Consiglio, figura politica e con il Presidente della Repubblica, figura istituzionale.
- Il manganello mediatico usato contro Boffo, i calzini del giudice, il tweet in cui si finge di non sapere cosa verrà fuori chiedendo cosa si farebbe in auto con la Boldrini, le accuse a Berlusconi sono equivalenti? Non c'è una differenza se valutiamo la forza di bastonatore e vittima?

Saluti

T.

*l'assalto ai banchi del governo, i morsi e il blocco delle commissioni non mi sembrano proprio frequenti nel passato, è normale che se ne parli e che le si condannino, se pure è vero che la demonizzazione da parte di alcuni è ipocrita.
**prevengo eventuali obiezioni sulla grande capacità di acquisire consenso, con capacità politica parlo di fare bene delle attività utili al Paese.

PaoloVE ha detto...

@ T.:

"Il punto non è che sul M5S, per caso e perché sono tutti cattivi, si fa casino su cose che non sono eccezionali*, il punto è che essi fanno casino con il duplice scopo di coprire la loro incapacità politica** e di sfruttare l'odio contro le istituzioni coltivato negli anni dai media e da alcune forze politiche"

Nemmeno questa è una loro prerogativa, anzi, e rientra nel punto 9 del mio elenco.

"Se si parlasse solo di cose serie - davvero e tutti - i grillini sarebbero messi davanti alla responsabilità di essere praticamente privi di proposte realistiche e ben scritte."

Esatto. E' in altre parole quello che sto dicendo e che sosteneva Authan su Silvio Berlusconi ancora ai tempi dell'Antizanzara: smettiamo di inseguirli sul piano delle cazzate (dove peraltro le differenze sono purtroppo sfumate anche se non certo uguali per tutti e dove possono strillare sinchè vogliono) e restiamo sul piano delle cose serie.

Poichè sono una persona analitica ed ordinata (e qui rido da solo, conoscendomi e guardando la mia caotica scrivania) il caso Boldrini non lo metto al manganello mediatico (punto 4) ma all'esatazione / istigazione alla violenza (punto 8).

Ciao

Paolo

F®Ømß°£ ha detto...

@Paolo

Sul punto centrale siamo d'accordo, andrebbero attaccati e demoliti sulla pochezza della loro offerta politica, ma questo nulla toglie alla gravità dei loro atti.

Ciò che è successo in questi giorni non è meno un orrore solo perché alcuni degli atti compiuti hanno dei precedenti. Se da parte dei responsabili di quei precedenti, la riprovazione per i grillini è senz'altro ipocrita, chi si è inorridito per i cappi o per le mortadelle*, ha tutto il diritto di provare fastidio per l'assalto ai banchi del governo, condito da morsi e vittimismo.

Tutta la logica dei tuoi dieci punti** si basa sul fatto che non ci si sarebbe indignati a suo tempo, ma di chi parli? Dei politici di una parte? Dei giornalisti e opinionisti di una parte politica? O dei lettori del tuo blog? Non è lo stesso.

Saluti

Tommaso

* Ricordami gli episodi paragonabili da parte del PD
** Alcuni dei quali proprio non reggono nella loro par condicio, peraltro necessaria per sostenere tutta l'argomentazione.

Michele Reccanello ha detto...

Ciao Paolo
Concordo al 100% con le tue valutazioni. Non mi meraviglio che possano stare sulle palle i soliti Travaglio, Scanzi, Gilioli ( a proposito ho visto un commento ;-) ... ), o persino Freccero, ma non credo si possa sparare a zero a cuor leggero persino sulle riflessioni della Spinelli.
Personalmente l'unica cosa su cui mi sento di criticare il m5s è proprio per quello che scrivi nella conclusione del post a proposito dello "splendido isolamento" come dicevi qualche giorno fa. Un errore e un alibi gigantesco per tutti gli altri partiti e per una stampa spesso imbarazzante.

PaoloVE ha detto...

@ T.

"Tutta la logica dei tuoi dieci punti** si basa sul fatto che non ci si sarebbe indignati a suo tempo, ma di chi parli? Dei politici di una parte? Dei giornalisti e opinionisti di una parte politica? O dei lettori del tuo blog?"

No, la logica è che se l'opinione pubblica (lasciamela definire così) non si è indignata in maniera da ottenere risultati in casi simili precedenti non c'è da sperarci nemmeno stavolta.

E che i precedenti escludono la possibilità che il M5S sia un unicum per quei motivi.

Ma ce n'è altri...

@ MR:

io gli contesterei anche il fatto di aver abandonato la pretesa di selezionare e promuovere gente come Favia o Pizzarotti, che mi pare fosse in grado di far qualcosa di buono, per preferirgli demgoghi in stile Crimi ed una certa idea piuttosto labile del valore della democrazia...

Ciao

Paolo

Michele Reccanello ha detto...

@paolo,

Su questo (Crimi etc. etc.) Sfondi una porta aperta.

Saluti

F®Ømß°£ ha detto...

@Paolo

E siamo d'accordo: come strategia politica è inutile indignarsi per le schifezze dei grillini.

Ma questo avviene perché la nostra opinione pubblica, debitamente disinformata e involgarita da anni di altre schifezze è ormai abituata ad accettare tutto. Non perché le nefandezze grilline siano meno gravi e soprattutto meno strumentali.

Questo non toglie che in un blog ce lo si possa dire chiaro e tondo che certe cose fanno schifo, senza una tolleranza immeritata per questi personaggi, quasi che dopo Borghezio valga tutto. Dopo un anno è tardi per continuare con la favola delle buone intenzioni.

Qui o questi si liberano di Grillo e dimostrano di avere capacità, idee e buona volontà per il Paese oppure è inutile che gli concediamo bonus che non meritano.

Saluti

Tommaso

Sandro59 ha detto...

"Prova a togliere la Lega e dimmi se riesci a completare i dieci punti. Prova a togliere il PDL, dopo."

Ma hosì rimane inullha!

(Scusa, ma è stato più forte di me.
Si tratta solo di una battutina da poco...
.
.
.
.
.
.
.
o no?!?).