La smentita?

Buongiorno,

mentre scrivo questo post stanno circolando voci ufficiose circa il fatto che il governo Monti sarebbe intenzionato a non fornire le garanzie necessarie a mandare avanti la candidatura di Roma ad ospitare le Olimpiadi del 2020.

(nel frattempo la notizia è stata confermata: la candidatura non si fa)

Un sacco di tempo fa scrivevo che "sono contrario alla gestione di grandi eventi in Italia (credo che uno stato debba essere in grado di gestire decentemente l'ordinario prima di farsi carico di eventi eccezionali)", per cui potreste interpretare quello che scriverò in una chiave un po' distorta: vi chiedo di credere alla mia onestà intellettuale.

Se Mario Monti dovesse dare corso a quanto vogliono le voci di corridoio, di fatto affondando la candidatura di Roma nel timore che il grande evento si possa dimostrare un buco economico, come troppo spesso è avvenuto nel recente passato, per la prima volta avrei davanti agli occhi un deciso segno tangibile di indipendenza dell'attuale governo dai soliti poteri forti, che in Italia hanno nei costruttori edili una colonna importantissima.

Non ho gli strumento per sostenere che l'Olimpiade sarebbe un buco piuttosto che un'opportunità, ma sino ad oggi troppo spesso ciò non è servito a trattenerci dall'entrare in avventure (cosa preferite? Italia 90? i Mondiali di nuoto? l'Olimpiade invernale di Torino? i Mondiali di nuoto? l'Expo?) che rarissimamente hanno portato a reali benefici per l'Italia, ma hanno sempre inesorabilmente comportato ampi esborsi da parte dello stato. 

Perchè, come spesso sostengo, lo scopo di troppe inuiziative dei nostri politici è principalmente di dar da mangiare tramite gli appalti ai propri sponsor economici, usando come pretesto o creando apposta esigenze vere o presunte degli italiani.

Non ho memoria di alcuna proposta di iniziativa straordinaria cui sinora un governo abbia reagito dicendo: "No, cara Impregilo / Caltagirone / Mantovani / Todini / ..., stavolta no. Abbiamo già dato.".

Nemmeno quando era chiaro che la convenienza non ci sarebbe assolutamente stata.

Pertanto con un certo piacere, mi accingo ad ammettere che su Monti alcune mie precedenti prese di posizione potrebbero richiedere di essere riviste...

Ciao

Paolo
Olimpiadi

3 commenti:

Michele Reccanello ha detto...

E meno male che MM ha detto di no. Ritengo che prima bisogna dimostrare di riuscire a "fare i compiti a casa", perché se non riusciamo a mantenere i
gli impegni internazionali, che credibilità possiamo avere nel portare avanti un progetto cosi impegnativo senza realizzare per esempio piscine più lunghe.

F®Ømß°£ ha detto...

Ho scritto un post che osserva un altro aspetto di questo tema.

Bravo Monti.

Ciao

T.

PaoloVE ha detto...

@ tommaso:

l'ho visto, ma non ho avuto modo di postarlo.

Uscirà domattina.

A sentire un po' in giro vien da chiedere a chi interessassero 'ste olimpiadi...

Grazie

Paolo