Parola d'ordine: c'è di peggio

Buongiorno,

avete già letto il post di stamattina? Bravissimi!

c'è una costante nel tourbillon di scandali che sta attraversando giorno dopo giorno il Paese ed è l'evidente senso di sprezzante impunità che pervade i protagonisti.

Belsito si incarta tra lauree albanesi, diamanti ed investimenti tanzaniani? Era nell'interesse del partito, tutti sapevano.

Lusi viene beccato ad abusare dei fondi pubblici destinati alla Margherita? Niente scuse, quando mai, a sentire lui agiva per conto del partito. D'altra parte, fa capire, fanno tutti così.

Infatti Fiorito fa vedere che è vero: dei fondi destinati alla politica si può fare quel che si vuole, legalmente. Anche comprarsi il fuoristrada perchè Alemanno non ha spalato la neve sufficientemente in fretta (malgrado l'elegantissima mise sportiva). C'è di peggio, dice.


Ad esempio la festa della cacca. Ma possiamo andare più in giù, in fondo che c'è di strano.

Possiamo arrivare al Piazza di turno quello che squarcia le gomme al disabile che lo fa multare per aver parcheggiato la macchina in area riservata. In fondo è stato un errore tecnico, di incazzatura. Che ci volete fare, parcheggiava lì da anni. Ma anche lui ci dice che c'è di peggio...

E così si arriva a nutrire persino Casapound.

Sentite, davvero mi state dicendo che Sauron l'abbiamo votato noi?

Ciao

Paolo

P.S. E guardate un po' da dove vengono: no, non tutti i partiti sono tutti uguali. Qualche differenza c'è.

P.S.2 Certo che a metterli tutti insieme superano per cafonaggine i più grotteschi personaggi dei film dei fratelli Vanzina. Dev'essere per quello che i cinepanettoni non vanno più: la realtà è andata oltre.  

5 commenti:

F®Ømß°£ ha detto...

Buondì,

anni di continua educazione al peggio, anni di Sgarbi, anni di Ferrara, anni di leghisti, anni di vaffanculo-no-vaffanculo-tu, anni di Ballarò-Annozero-Port-a-Porta-Matrix portano a questo.

Si diceva che le televisioni di B non erano influenti? Eccoci qua: per vent'anni abbiamo tollerato, nel complice silenzio delle schienedritte dell'ultimo minuto lo scivolare della società in quella materia cui giustamente si fa anche la festa.

In particolare trovo colpevole il giornalista che supinamente accetta il ragionamento "scuole medie":

"Ha cominciato lui!"/"Lo fanno tutti!"

Non c'è politico che non vi ricorra, specialmente nella forma che consiste nel delegittimare chi ti sta accusando a ragione, utilizzando una sua altra malefatta passata sia essa vera o presunta.

"Ladro!"
"Ladro a me? Tu che parcheggi in divieto non puoi farmi lezioni di morale!"

E il BrunoVespaEnricoMentanaMicheleSantoro che sorride pensando alla colonna delle tette del giorno dopo.

Senza liberarsi della gentaglia che infesta il mondo dell'informazione passeremo solo dai barbari di oggi ai barbari di domani.

Sauron è un dilettante.

Saluti

Tommaso

Michele Reccanello ha detto...

@Paolo

Ieri in una mia riflessione mi è capitato di pensare che in 20 anni siamo passati da Poggiolini a Saggese.

Nel tuo elenco di ladri e ruberie varie ti sei dimenticato di quest'ultimo "fenomeno" che fa impallidire persino "er batman".

@Tommaso
anni di continua educazione al peggio, anni di Sgarbi, anni di Ferrara, anni di leghisti, anni di vaffanculo-no-vaffanculo-tu, anni di Ballarò-Annozero-Port-a-Porta-Matrix portano a questo.
Non è educazione è (o dovrebbe) essere informazione che per poi alcuni (vedi Ferrara e Sgarbi) ci spacciano come loro opinioni (ridicole). Quello che più mi fa incazzare è che i politici per anni hanno partecipano alla politica-show che permea questi programmi, riempiendosi le bocca di belle parole ma non realizzandone nemmeno una. Ecco: io vieterei ai politici di presenziare in TV tranne che per le campagne elettorali. Se hanno qualcosa da dire lo facciano in una piazza pagando di tasca propria tutte le spese. Vediamo se hanno il coraggio...

F®Ømß°£ ha detto...

@MR

ma è colpa dei politici o di chi organizza trasmissioni che promuovono l'urlo?

Se l'informazione fosse in mano a persone serie, non saremmo arrivati a questo schifo.

Non è attribuendo ai politici ogni male che usciremo da questa situazione. I politici sono responsabili in maniera distinta (e, ripeto, molto sbilanciata) e soprattutto non sono i soli responsabili!

Il concetto di Casta riferita solo ai politici è un'idiozia (per di più tirata fuori a singhiozzo). La classe dirigente di questo paese è strapiena di gente come Fiorito, con un senso di impunità se possibile ancora maggiore. Se non si trova il modo per migliorare la qualità di chi comanda, in tutti i settori non ne usciremo mai.

Saluti

Tommaso

Michele Reccanello ha detto...

Tommaso,
Non è colpa dei Santoro o dei Lerner. E' colpa di politici (ma non solo) ospiti arroganti e di una civiltà sempre più degradata. Cosi arroganti che Paolo ricordava la vicenda di Antonio Piazza che nonostante fosse in torto marcio pretendeva di avere ragione invece di andare a nascondersi. Quante persone incontriamo così nella nostra quotidianità?

Ecco i politici d'oggi sono tutti così e non è colpa del conduttore di turno che qualche volta cerca di essere scomodo, e fa benissimo per come la vedo io.
Mi ricordo che fino ad almeno 20,25 anni fa non esisteva il turpiloquio nella TV come nella Radio e chi lo praticava veniva bandito. Ora invece siamo allo sbraco totale (vedi un certo conduttore radiofonico di nostra conoscenza oltre ad alcuni suoi impresentabili ospiti). Tanto per ribadire il concetto, ieri sera mi è capitato di vedere un pezzetto di piazzapulita in cui il solito La Russa esibiva la sua "cortesia" e "simpatia" nei confronti di un giornalista. Certe cose succedono solo da noi, da altre parti i politici si guarderebbero bene dall'essere così offensivi e antipatici con i propri interlocutori. Al massimo se non hanno voglia di farsi intervistare usano il "no comment".

F®Ømß°£ ha detto...

@MR

a mio parere, lo sbraco è stato non solo permesso ma anche fomentato da conduttori che tutto sono meno che scomodi.

Invitare personaggi di nessun peso politico come la Santanché o Borghezio equivale a volere la rissa. E questa avviene puntualmente.

Al conduttore fa comodo e così piano piano l'asticella della dignità non si è solo abbassata, sappiamo bene dove è stata infilata.

Un conduttore serio non invita certa feccia rissaiola, e se c'è un accenno di rissa ha tutto il potere di controllarla. Unico che fa bene il mestiere mi pare Gad Lerner, la sua trasmissione non appare sulla colonna delle tette, mi pare.

Saluti

T.