Senza. L'Aventino della destra

Buongiorno,

l'annuncio che i parlamentari del PdL hanno deciso per acclamazione di dimettersi in caso di decadenza di Berlusconi, per reagire al "colpo di Stato", all'"operazione eversiva che mina lo stato di diritto" in una Italia dove "non c'è più democrazia" ovviamente per colpa di una "sinistra -che- non è cambiata, sono sempre gli stessi. Non si sono ancora ravveduti, la loro ideologia è criminale, sono invidiosi,.." (e spero che i fintoterzisti abbiano apprezzato ancora una volta fino in fondo quanto siano moderati a destra), mi ha portato ad immaginare quale situazione si prospetta.

Provate a farlo con me. Immagina, puoi!

Un Parlamento senza Berlusconi.

Senza Santanchè.

Senza Giovanardi.

Senza la Gelmini.

Senza Gasparri.

Senza la Biancofiore.

Senza Brunetta.

Senza Razzi.

Senza Schifani.

Senza Scilipoti.

 ...

Adesso toglietevi quel sorriso ebete e beato dalla faccia, per favore.

:-)

Ciao

Paolo

P.s. non è che Fioroni, in extremis potrebbe passare al PdL? :-)

4 commenti:

F®Ømß°£ ha detto...

Preferirei un mondo in cui non sono in Parlamento perché non li hanno votati.

O almeno un mondo in cui la feccia giornalistica all'ennesimo "al lupo al lupo" relega nella colonna delle tette quest'idiozia.

Non mi spingo a immaginare un mondo senza colonna delle tette. ;-)

Saluti

T.

MS ha detto...

"Adesso toglietevi quel sorriso ebete e beato dalla faccia"

scusa, mi hai beccato!!

bye,
MS

Michele Reccanello ha detto...

Un pò di par condicio?
Ce ne sono molti anche a sinistra.

PaoloVE ha detto...

@ MR:

infatti invitavo almeno fioroni ad aderire al PdL perchè sono quelli che hanno dato le dimissioni in massa. Ma non è certo il solo.

Ciao

Paolo